Diamondfacts.org

 

 

Introduzione
Impatto Economico
Educational Improvements
Healthcare Development

 

GENERAZIONE DI REDDITO

 

Il settore mondiale dei diamanti dà lavoro a circa 10 milioni di persone direttamente e indirettamente in tutto il mondo, compresa l'Africa. La maggior parte dei diamanti proviene da fonti che utilizzano i ricavi generati dai diamanti per sostenere lo sviluppo del proprio paese. Nel quadro di una buona gestione e di un'adeguata legislazione, i diamanti rappresentano una fonte vitale di reddito per la costruzione di infrastrutture e di servizi sociali essenziali, come scuole e ospedali.

 

“Per la nostra gente, ogni acquisto di diamanti significa cibo, migliori condizioni di vita, migliore assistenza sanitaria, acqua potabile e sicura, più strade per il collegamento delle località più remote e molto altro ancora”.
- Mogae, Presidente del Botswana, 7 giugno 2006


Paesi come il Botswana, la Namibia e il Sudafrica danno continuamente prova del fatto che i redditi generati dai diamanti possono creare benefici considerevoli per l'economia dei paesi di provenienza. In questi paesi, i diamanti hanno contribuito a finanziare una straordinaria crescita e stabilità economica.

 


Clicca sulla mappa a destra per visualizzare il PIL dei Paesi africani. Questi benefici si riflettono anche con evidenza di posizione nella classifica dell'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite (HDI, Human Development Index), una misura comparativa di povertà, grado di alfabetizzazione, istruzione, aspettative di vita, natalità e altri fattori in Paesi di tutto il mondo. Clicca sulla mappa a destra per visualizzare l'indice HDI dei Paesi africani.

 

I ricavi provenienti dai diamanti rivestono un ruolo ancora più importante per il ripristino della stabilità economica di paesi devastati dalla guerra.

 

In giugno, la neopresidente liberiana democraticamente eletta, Ellen Johnson Sirleaf, si è rivolta ai delegati di una conferenza regionale sul commercio dei diamanti per individuare in che modo l'estrazione di queste gemme può essere sfruttata per diminuire la povertà, dare un impulso alla crescita economica e promuovere la pace nei paesi dell'Africa occidentale, della Guinea, della Libera, della Sierra Leone e della Costa d'Avorio.

 


La comunità mondiale riconosce ampiamente che la creazione di un futuro sostenibile per l'Africa giace nella sua capacità di sviluppare e massimizzare le proprie risorse naturali. I diamanti rivestono un ruolo fondamentale in tal senso.

Il commercio dei diamanti genera in Africa introiti per circa 8,4 miliardi di dollari ogni anno. Di seguito presentiamo un quadro dell'impatto dei ricavi provenienti dai diamanti sull'economia di alcuni paesi africani:

 

I diamanti rappresentano il 76% dei ricavi del Botswana provenienti dalle esportazioni, il 45% degli introiti governativi e il 33% del prodotto interno lordo (PIL). Dalla scoperta dei diamanti in Botswana nel 1966, la crescita annuale del PIL è stata in media del 7%. Debswana, una società del Botswana operante nel settore dei diamanti, è il maggior contribuente di "corporate responsibility" allo sviluppo socioeconomico del paese. Il Botswana ha una delle economie che crescono più velocemente al mondo, grazie in parte ai diamanti. Senza il legittimo commercio dei diamanti, il Botswana perderebbe un ricavo di circa 3 miliardi di dollari all'anno. Una tale perdita avrebbe conseguenze su ogni cosa, dalla spesa per i programmi sociali agli investimenti governativi nelle infrastrutture del paese.

 

Nello stato della Namibia, i diamanti rappresentano circa il 10% del PIL, il 40% dei ricavi generati dalle esportazioni e il 7% dei ricavi annuali del Governo. Namdeb, una società namibiana operante nel settore dei diamanti, è il maggiore contribuente di responsabilità sociale d'impresa allo sviluppo socioeconomico del paese. Nel 2006 la Namibia produrrà diamanti per un valore di circa 700 milioni di dollari.

 

Il Sudafrica produrrà diamanti per un valore superiore a 1,5 miliardi di dollari nel 2006. I progetti aziendali di sviluppo sociale ricevono investimenti di milioni di dollari provenienti dalle società di estrazione di diamanti in Sudafrica. Il Fondo Fiduciario Namaqualand Diamond, istituito dal Transhex e da un limitato numero di piccole aziende minerarie diamantifere operanti nella costa occidentale del Sud Africa, investe ogni anno più di 4,8 milioni di dollari in progetti finalizzati ad aiutare lo sviluppo, la responsabilizzazione e la sostenibilità della comunità.

 

Da quando ha iniziato la propria attività, il Fondo ha investito più di 32 milioni di dollari in progetti socialmente utili.

 

Anche altri paesi come l'Angola, la Tanzania, la Repubblica Democratica del Congo e la Sierra Leone traggono considerevoli benefici economici dai ricavi dei diamanti. Ad esempio la Sierra Leone, Paese dilaniato dalla guerra in passato, nel 2005 ha esportato diamanti per un valore approssimativo di 142 milioni di dollari. Queste fonti di introiti stanno contribuendo alla ricostruzione di infrastrutture, del sistema sanitario e scolastico.

 

Il Canada è il terzo più grande produttore di diamanti con una produzione stimata in 1,5 miliardi di dollari canadesi ogni anno e l’industria canadese dell’estrazione dei diamanti dà lavoro direttamente o indirettamente a migliaia di persone. Il Governo federale canadese beneficerà direttamente dalle miniere di diamanti attraverso i diritti di sfruttamento e le imposte sul reddito personale e aziendale. L’Indian and Northern Affairs Canada stima che durante il ciclo di vita delle miniere nei Northwest Territories (NWT – territori di nord ovest), i progetti Ekati, Diavik e Snap Lake genereranno un totale di 1,6 miliardi di dollari canadesi in diritti di sfruttamento, 2,6 miliardi di dollari canadesi in imposte aziendali federali, 1,3 miliardi di dollari canadesi in imposte territoriali, e imposte sul reddito di altre aziende e dipendenti per un valore di 4,7 miliardi di dollari canadesi (stime del 2004).

 

“Dieci anni fa i diamanti canadesi erano solo uno scintillante miraggio agli occhi dei cercatori. Oggi esistono tre miniere attive e altre due sono in fase di sviluppo. La Royal Bank prevede che i diamanti faranno confluire più di 30 miliardi di sterline (quasi 70 miliardi di dollari canadesi) nell’economia canadese nei prossimi 25 anni”.
- Il Primo Ministro del Canada, Stephen Harper, 14 luglio 2006

 

In tutto il Canada i costi per le esplorazioni di diamanti in cui sono coinvolte 123 aziende, hanno raggiunto il valore di 251 milioni di dollari canadesi nel 2005, principalmente investiti nei NWT, nel Nunavut, in Saskatchewan, in Quebec e nell’Ontario. Fra il 1991 e il 2002, le attività di estrazione dei diamanti con un apporto di 2,9 miliardi di dollari canadesi rappresentavano l’83,3% del prodotto interno lordo (PIL) complessivo dei NWT. Le attività di esplorazione con un apporto di 549,4 milioni di dollari canadesi aggiuntivi rappresentavano il 15, 8% del PIL totale.

 

Fra il 1998 e il 2002, il periodo di crescita massima del settore dei diamanti, le attività relative all’esplorazione di diamanti costituivano il 23% dei 2,2 miliardi di dollari canadesi complessivi spesi per attività di ricerca in Canada.

Fra il 1996 e il 2002 le due miniere di diamanti attive nei Territori di nord ovest (Ekati e Diavik) hanno investito 3,4 miliardi di dollari canadesi in beni e servizi. Di questi, 1,9 miliardi di dollari canadesi pari al 57% proveniva da aziende del nord e il 28%, o appena sotto i 10 milioni di dollari canadesi, proveniva da aziende aborigene nel nord.

 

“La Industrial Mining Skills Strategy dei NWT è in grado di offrire direttamente un’ampia gamma di professioni remunerative nel settore dell’estrazione e permette alle comunità aborigene di godere appieno delle interessanti opportunità occupazionali offerte da un settore in continua espansione come quello dell’estrazione di diamanti nei NWT. Il settore diamantifero ha portato un’ondata di ottimismo per il futuro alle comunità aborigene del nord.”
- Onorevole Ethel Blondin-Andrew, ex Ministro di Stato canadese (Sviluppo del nord), 3 febbraio 2005

 

Ritornare all'inizio

 

CREARE OCCUPAZIONE

Il settore del diamante fornisce sostentamento a milioni di persone in tutto il mondo. Nell'Africa meridionale, ad esempio, oltre 38.000 sono impiegati direttamente dal settore dei diamanti. In Botswana, il settore diamantifero è il secondo organismo datore di lavoro del paese. In Sudafrica, 28.000 persone lavorano nell'estrazione, selezione, valutazione, taglio e levigatura dei diamanti e nella loro lavorazione e vendita come gioielli. Queste opportunità di lavoro consentono a migliaia di Africani di avere un salario, ricevere assistenza medica, creare un migliore ambiente domestico, fornire istruzione ai propri figli e molto altro ancora. Da questi posti di lavoro derivano anche impieghi indiretti, con l'ampliamento delle comunità intorno ai luoghi di raccolta dei diamanti e maggiori opportunità per la comunità stessa.

 

“Sappiamo che i diamanti sono una preziosa fonte di impiego, di valuta estera, di introiti fiscali e di nuovi investimenti, e che rivestono un ruolo positivo nel miglioramento del benessere economico globale dei paesi e delle comunità locali.”
- Thabo Mbeki, Presidente del Sudafrica democraticamente eletto

 

In Canada, più di 5.300 persone lavorano nel settore dei diamanti, che dà lavoro indirettamente a più di 7.500 persone. In effetti, fra il 1991 e il 2002 il settore dell’estrazione dei diamanti costituiva il 74% dell’occupazione totale nei NWT. Le attività di esplorazione hanno rappresentato un ulteriore 23% dell’occupazione totale. Attualmente sono attive tre miniere di diamanti nei NWT e nel Nunavut e una è in costruzione nei NWT. In Ontario è in costruzione la prima miniera di diamanti della provincia.

 

“Il Victor diamond project (progetto per il sito Victor) rappresenta un grande evento per la popolazione del Attawapiskat e della regione limitrofa. Gli investimenti di De Beers nella zona significano molto più che nuovi posti di lavoro. Creeranno nuove opportunità per le famiglie, le aziende locali e le comunità della First Nation.”
- Dalton McGuinty, Premier dell'Ontario, giugno 2006

 

Nel 2002, il 15% circa dell’occupazione totale nei Territori di nord ovest era generata dall’attività e dalla costruzione di miniere di diamanti – vale a dire che più di un residente su sette dei NWT lavorava grazie al settore dell’estrazione di diamanti.

 

Ritornare all'inizio


COSTRUIRE INFRASTRUTTURE

I ricavi generati dal commercio dei diamanti contribuiscono anche alla costruzione dei Paesi in cui le pietre vengono scoperte. Ad esempio, nel 1966 il Botswana aveva una rete stradale di meno di 5 chilometri. Oggi i chilometri sono più di 6000 ed esiste un sistema di trasporto pubblico. Ora esiste una rete di telefonia digitale che abbraccia l'intero territorio del Paese, costituita da svariati chilometri di cavi di fibra ottica. Questi progressi sono stati finanziati, in parte, dai ricavi generati dalla vendita di diamanti. Ora che i sistemi di trasporto e di comunicazione sono migliorati, la popolazione del Botswana ha più accesso a migliori opportunità di lavoro, ai servizi sanitari e alle scuole e può raggiungere meglio le città. Simili progressi nelle infrastrutture del paese preparano inoltre il terreno per un futuro di costanti opportunità economiche e sviluppo.

 

Ritornare in alto

Progressi dell'istruzione
Sviluppo dell'assistenza sanitaria

Mappa del PIL

I diamanti contribuiscono notevolmente al benessere di molte nazioni africane.

Clicca qui per saperne di più

Mappa HDI

I paesi africani caratterizzati da un'estrazione ufficiale dei diamanti registrano una situazione positiva in termini di sviluppo umano.

Clicca qui per saperne di più

TESTIMONIAL

Testimonianza di Ketumile Masire

Leggi la testimonianza di Ketumile Masire sull'impatto economico dei diamanti sul suo Paese.
Download PDF Scarica qui il PDF

Testimonianza del Dott. G. K. T. Chiepe

Ciò che i diamanti hanno fatto per il Paese del Dott. Chiepe.
Download PDF Scarica qui il PDF